L’associazione culturale L’Officina delle buone idee

in collaborazione con la civica biblioteca di Cigognola

con il patrocinio del Comune di Cigognola

presenta

Ettore Nicotra – Sculture

 10 – 25 marzo 2018

PoloCivicoCulturale di ValleCima

Piazza d’Europa Unita

27040 Cigognola

Orari: il sabato e la domenica, dalle 15,30 alle 19,00

su appuntamento, telefonando al n. 338_7224628

Inaugurazione: sabato 10 marzo, ore 17,30

ettore nicotra sculture  

Ettore Nicotra nasce a Casteggio nel 1948.

[...] sin dalla prima età scolare manifesta una spiccata vocazione per il disegno, che viene notata dal suo insegnante, il pittore Betto Lotti.

Frequenta, giovanissimo, lo studio di Hector Guttieres, un ottimo paesaggista, che gli fa compiere un severo tirocinio di copia dal vero e uso del colore.

Nei primi anni ’60 [...], dopo una sospensione di alcuni anni, rimette mano a pennelli, tele e matite. Nel frattempo inizia gli studi di giurisprudenza che persegue sino alla laurea.

Nel 1976 decide di trasferirsi a Parigi dove frequenta da esterno il Beaux Arts e si lega di amicizia con i pittori della comunità artistica italiana: Del Drago, Adami, Cremonini, Licata, Bellomo che lo invitano alle manifestazioni della capitale.

Nei primi anni '80 [...] intraprende la professione di avvocato presso il Foro di Milano (che tuttora perdura) senza però tralasciare la passione artistica ed esponendo in diverse città della penisola.

Da circa quindici anni il suo interesse si è spostato sulla scultura dove sperimenta, dapprima, la terracotta per giungere, quindi, alle opere in ferro dell'ultimo periodo.

Ecco come l’amico Achille Raffinetti descrive la poetica di Nicotra: [...] la necessità di evadere dalla quotidianità e l’innato senso artistico, maturato sin da giovanissimo nell’atelier di Guttieres, portano Nicotra verso la sua grande avventura espressiva in compagnia di due elementi a lui cari: il ferro e l’argilla. Anni di ricerche (anche tra i materiali di scarto) e la perseveranza nel disegno e nella pittura lo collocano nella categoria di artisti classificati come “ribelli & sognatori”.

I lavori di ferro evocano sensazioni primordiali sull’onda di: “Cera una volta…” una società di guerrieri che percorreva sentieri selvaggi alla conquista dell’ignoto, dentro una fiaba che si interroga sul male delle guerre perpetue e sulla sfida dell’uomo contro la natura.

Le opere in cotto si staccano dalle azioni materiali e paiono nuvole in viaggio con il loro carico di sogni per dare corpo ai sospiri dell’anima e all’eterno vagabondare alla ricerca dell’unione perfetta.

[...] Il tutto è rappresentato con naturalezza incisiva e penetrante, resa arte da una raffinata ironia che libera una forza fantastica protesa verso una lirica universale.