untitled


Untitled
Monica Anselmi Vs Luigi Bianchini

14 – 28 maggio 2017

PoloCivicoCulturale di ValleCima
Piazza d’Europa Unita
27040 Cigognola

Orari:

  • sabato e domenica, dalle 16,00 alle 19,30
  • su appuntamento, telefonando al n. 392 5522193


       

Inaugurazione:    sabato 13 maggio 2017, ore 17,30

Dall’Officina delle Zattere, dove Monica Anselmi e Luigi Bianchini hanno esposto nell’ambito della cinquantaseiesima Biennale d’Arte di Venezia (padiglione del Guatemala: la mostra era intitolata Sweet death) a L’Officina delle buone Idee: era nell’ordine delle cose che i due Artisti (di Chignolo Po lei, di Sant’Angelo Lodigiano lui) dovessero, prima o poi, approdare a Cigognola, ospiti, per l’appunto dell’associazione culturale che dedica loro la mostra Untitled, nella quale poter ammirare, oltre all’opera che era presente in Biennale (Altare di Topolino), una bella e ricca rappresentazione della produzione più recente della coppia di pittori, da anni uniti anche nella vita.

Io ho sempre avuto una matrice espressionista – spiega Monica Anselmi in una bella intervista rilasciata a Gaia Curci per la Provincia Pavese –, Luigi più concettuale, ma uno dei punti in comune del nostro lavoro è che entrambi ricerchiamo l’autenticità, cioè qualsiasi cosa nasca da una nostra esigenza interiore.
Io riempio, lui svuota; io sono passionale, lui logico: abbiamo tecniche opposte, eppure a volte ci capita di dipingere persino assieme!

Ed è proprio da questa collaborazione che è nata l’opera che è stata esposta in Biennale, e che si potrà ammirare, come detto, nella mostra allestita al PoloCivicoCulturale di Valle Cima sino al 28 maggio p.v., con i seguenti orari: sabato e domenica, dalle ore 16,00 alle ore 19,30; su appuntamento, telefonando al n. 392 5522193.

Alle 17,30 di sabato 13 maggio 2017 la vernice della mostra, data che coincide con il decimo anniversario dell’inaugurazione del PoloCivicoCulturale (e della Piazza d’Europa Unita, sulla quale esso si affaccia) e con l’apertura al pubblico della 57ma Esposizione internazionale d’arte di Venezia. Facendo ricorso alla nostra immaginazione, ci parrà quasi di essere in uno dei numerosi padiglioni che la compongono, disseminati tra i Giardini, l’Arsenale, l’intera città e ... Cigognola!